Euthymos Excursions

2017-10-20

Kit di primo soccorso per escursionisti responsabili

(0 Voti)

Fare un’escursione, trekking o una semplice passeggiata in montagna fa sempre bene a mente e corpo. Si sa, bisogna partire in modo adeguato, indossando le giuste scarpe e portando con sé l’indispensabile per poter passare una piacevole giornata senza incorrere in imprevisti. Tra tutto il materiale indispensabile fa parte, ed è forse il più importante, il kit di primo soccorso, anche se non viene usato quasi mai.

Meglio avere il kit di primo soccorso sempre con sé piuttosto che trovarsi in difficoltà in mezzo alla natura anche per un infortunio facilmente risolvibile. Oltretutto il kit è leggero da portare e non occupa molto spazio. Com’è che si dice? Prevenire è meglio che curare!

Kit di primo soccorso in commercio e kit di primo soccorso fai da te

In commercio è presente una vasta scelta di kit di primo soccorso, a partire dalla semplice pochette rossa vuota fino ai kit professionali. Per noi escursionisti non è necessario avere dei kit da medici, anche perché diventerebbe un peso inutile per delle attrezzature che non utilizzeremmo nemmeno. L’ideale è avere con sé un kit di primo soccorso con dentro l’indispensabile per intervenire sugli infortuni che possono capitare durante un’escursione.

È possibile acquistare un kit già pronto di quelli che si trovano in commercio oppure realizzarlo da soli. In ogni caso, se preferisci acquistarlo, devi sempre personalizzarlo con dei farmaci specifici.

Accorgimenti kit di primo soccorso

Come dice la parola stessa, deve essere un kit di primo soccorso e non una mini farmacia! Il kit deve contenere solo materiale medicale, materiale generico e alcuni farmaci. Ogni kit va personalizzato secondo le proprie esigenze, soprattutto per quanto riguarda i farmaci. Se hai necessità di prendere giornalmente determinate medicine o hai delle patologie in particolare, non dimenticare mai di inserire i farmaci per te indispensabili.

Non portare all’interno del kit farmaci o materiale medicale che non sapresti come utilizzare. Noi, ad esempio, sconsigliamo sempre di portare il laccio emostatico perché, se utilizzato in maniera non corretta, può causare dei danni o peggiorare l’entità dell'infortunio.

Cosa deve contenere un buon kit di primo soccorso?

Ecco la lista del materiale essenziale per andare in escursione serenamente:

Materiale generico:

  • Guanti monouso,
  • Pinzetta,
  • Cerotti,
  • Forbicine,
  • Ghiaccio sintetico in busta,
  • Siringhe,
  • Coperta isotermica.

 

Materiale per la medicazione:

  • Acqua ossigenata,
  • Fazzolettini disinfettanti,
  • cerotti per medicazione,
  • Garza emostatica,
  • Garze sterili,
  • Benda elastica
  • Cerotti per le scottature,
  • Rocchetto cerotto.

 

Farmaci:

  • Antistaminico in crema e in compresse,
  • Cortisone in compresse e fiale,
  • Antidolorifico,
  • Antiemorragico,
  • Antispastico,
  • Antidiarroico,
  • Fermenti lattici,
  • Antibiotico a lungo spettro
  • Farmaci personali.

   

Non bisogna mai dimenticare di controllare la data di scadenza prima di portare il kit di primo soccorso con sè. Essendo farmaci e materiale non usati spesso (o non usati proprio) è molto probabile che scadano o, subendo sbalzi di temperatura, vengano compromesse la qualità e l’efficacia dei prodotti. Ricorda sempre di ripristinare tutto ciò che scade con dei prodotti nuovi.

Metti sempre il kit di primo soccorso a portata di mano e buona escursione!

Letto 2792 volte Ultima modifica il Martedì, 24 Ottobre 2017 06:51

socialshare

share on facebook share on linkedin share on pinterest share on youtube share on twitter share on tumblr share on soceity6

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

FaLang translation system by Faboba

Ultime dal Blog

  • Catania quinta città nella top ten TripAdvisor: ecco cosa visitare on 08 Mar 2018
    Catania è quinta città nella top ten della classifica europea Travelers’ Choice Destinations on the Rise 2018 di TripAdvisor. La classifica si basa sull’interesse dei viaggiatori: emergono ottimi feedback su ristoranti, alloggi e mete da visitare. Ma non finisce qui.…
  • Vipere in Italia: come riconoscerle, evitarle e cosa fare in caso di morso on 15 Feb 2018
    La vipera, da sempre amata e temuta, divinizzata e demonizzata dalle religioni, dai miti e dalle leggende, in Italia non è un serpente letale e spaventoso come si crede comunemente. È un serpente riservato e, se vede un essere umano,…
  • Campeggio libero in Italia: ecco il regolamento on 25 Jan 2018
    Hai mai campeggiato al di fuori delle aree attrezzate? Se sì conosci bene quella sensazione di libertà, di benessere e serenità che ti trasmette il campeggio libero in mezzo alla natura, lontano da tutta la gente e a contatto con…
RICHIESTA DISPONIBILITA'