Euthymos Excursions

2017-01-11

Pino e rosa canina: ecco le tisane fai da te degli escursionisti

(0 Voti)

Quando si va in montagna a fare una semplice passeggiata o una vera e propria escursione spesso si ignora ciò che la natura offre oltre la tranquillità, il paesaggio incantevole e l’aria pulita. Spesso capita di sostare in un rifugio o in un sentiero e preparare una tazza di the o una tisana per riscaldarsi e rifocillarsi. E se anziché portare la tisana da casa si facesse con ingredienti totalmente genuini e benefici per l’organismo trovati lungo il percorso?

La tisana al pino e la tisana alla rosa canina sono proprio le ideali. Entrambi sono facilmente riconoscibili senza avere particolari conoscenze in botanica! Ecco come prepararle:

Tisana al pino

La tisana al pino è un ottimo decongestionante, antisettico e un’ottima fonte di vitamina C con un quantitativo superiore a quello del limone.
Basta raccogliere gli aghi di pino verdi (vanno bene tutti i tipi di pino tranne quello nero perché è tossico), lavarli, tagliarli a pezzettini, metterli in un pentolino con acqua e fare bollire. Dopo cinque minuti dall’ebollizione spegnere il fuoco e lasciare riposare un quarto d’ora. Filtrare, dolcificare se lo si preferisce e bere calda.

Tisana alla rosa canina

La rosa canina contiene vitamine del gruppo B e C, ha proprietà antinfiammatorie e aiuta a contrastare le allergie agendo sulla risposta immunitaria.
Raccogliere le bacche di rosa canina, lavarle, eliminare i peli e i semi, metterne una manciata in un pentolino d’acqua e fare bollire. Dall’ebollizione attendere cinque minuti, spegnere il fuoco e lasciare riposare un quarto d’ora. Filtrare, dolcificare se lo si preferisce e bere.

Quando ci si trova in montagna conviene prendere degli aghi di pino e bacche di rosa canina da portare a casa in modo da poterli essiccarli e bere le tisane tutte le volte che si preferisce, senza dover aspettare l’escursione successiva. Prima di essiccarli bisogna lavare tutto, asciugare e privare le bacche di semi e peli. Si conservano in barattoli di vetro in ambiente asciutto e lontano da fonti di calore e ricorda di non eccedere mai con le tisane.

Letto 3551 volte Ultima modifica il Mercoledì, 11 Ottobre 2017 14:02

socialshare

share on facebook share on linkedin share on pinterest share on youtube share on twitter share on tumblr share on soceity6

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

FaLang translation system by Faboba

Ultime dal Blog

  • Catania quinta città nella top ten TripAdvisor: ecco cosa visitare on 08 Mar 2018
    Catania è quinta città nella top ten della classifica europea Travelers’ Choice Destinations on the Rise 2018 di TripAdvisor. La classifica si basa sull’interesse dei viaggiatori: emergono ottimi feedback su ristoranti, alloggi e mete da visitare. Ma non finisce qui.…
  • Vipere in Italia: come riconoscerle, evitarle e cosa fare in caso di morso on 15 Feb 2018
    La vipera, da sempre amata e temuta, divinizzata e demonizzata dalle religioni, dai miti e dalle leggende, in Italia non è un serpente letale e spaventoso come si crede comunemente. È un serpente riservato e, se vede un essere umano,…
  • Campeggio libero in Italia: ecco il regolamento on 25 Jan 2018
    Hai mai campeggiato al di fuori delle aree attrezzate? Se sì conosci bene quella sensazione di libertà, di benessere e serenità che ti trasmette il campeggio libero in mezzo alla natura, lontano da tutta la gente e a contatto con…
RICHIESTA DISPONIBILITA'