Euthymos Excursions

2018-01-25

Campeggio libero in Italia: ecco il regolamento

(0 Voti)

Hai mai campeggiato al di fuori delle aree attrezzate? Se sì conosci bene quella sensazione di libertà, di benessere e serenità che ti trasmette il campeggio libero in mezzo alla natura, lontano da tutta la gente e a contatto con la natura selvaggia. Il campeggio libero è diverso dal classico campeggio per molti aspetti: non hai aree attrezzate, non hai “comodità” ma soprattutto non hai altre persone attorno a te perché ci sei solo tu con la natura.

Forse però non sai che il campeggio libero ha una regolamentazione e in alcuni luoghi è vietato. Facciamo un po’ di chiarezza insieme.

Campeggio libero: regolamento e divieti

Il campeggio libero dovrebbe essere regolamentato dalla legislazione. Diciamo dovrebbe perché in realtà qui in Italia non ci sono delle vere e proprie norme e la situazione è piuttosto confusa. La stessa parola “campeggiare” è ambigua perché intende sia mettere la tenda sia sostare in un luogo per non oltre 24 ore.

Anche se la legge non è chiara in merito, è possibile campeggiare ma bisogna fare attenzione ai luoghi e alle fasce orarie. Vediamo quali sono le restrizioni del campeggio libero in Italia:

  • Nelle riserve naturali in cui sono presenti zone di tutela speciale e dove sono presenti dei cartelli che vietano espressamente il campeggio non è possibile pernottare;
  • Le regioni gestiscono in modo autonomo la regolamentazione del campeggio libero quindi, prima di andare a campeggiare, chiama la regione di competenza e chiedi informazioni;
  • Alcuni comuni consentono il campeggio libero ma previa richiesta o notifica scritta presso l’ufficio del Sindaco;
  • Nei terreni privati è possibile campeggiare senza limiti di tempo, a patto che si richieda l’autorizzazione al proprietario del terreno.

Come praticare il campeggio libero in Italia?

Ad eccezioni dei luoghi in cui sono presenti divieti assoluti di campeggio, è possibile campeggiare liberamente a patto di seguire alcuni accorgimenti per non incorrere in sanzioni e tutelare, con il buon senso, la possibilità di praticare ancora il campeggio libero in Italia. Ecco come praticare il campeggio libero:

  • monta la tenda al tramonto e smontala all’alba: in questo caso non si parla più di “campeggio” ma diventa un bivacco notturno;
  • rispetta la natura, non deturpare il paesaggio, non lasciare rifiuti e quant’altro;
  • non accendere fuochi. Oltre ad essere vietato nei parchi naturali, rischi di causare un incendio.

Adesso che sai come praticare il campeggio libero in Italia e come evitare spiacevoli sanzioni non ti resta che decidere la destinazione, mettere lo zaino in spalla e andare a goderti la natura incontaminata!

Letto 4526 volte

socialshare

share on facebook share on linkedin share on pinterest share on youtube share on twitter share on tumblr share on soceity6

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

FaLang translation system by Faboba

Ultime dal Blog

  • Catania quinta città nella top ten TripAdvisor: ecco cosa visitare on 08 Mar 2018
    Catania è quinta città nella top ten della classifica europea Travelers’ Choice Destinations on the Rise 2018 di TripAdvisor. La classifica si basa sull’interesse dei viaggiatori: emergono ottimi feedback su ristoranti, alloggi e mete da visitare. Ma non finisce qui.…
  • Vipere in Italia: come riconoscerle, evitarle e cosa fare in caso di morso on 15 Feb 2018
    La vipera, da sempre amata e temuta, divinizzata e demonizzata dalle religioni, dai miti e dalle leggende, in Italia non è un serpente letale e spaventoso come si crede comunemente. È un serpente riservato e, se vede un essere umano,…
  • Campeggio libero in Italia: ecco il regolamento on 25 Jan 2018
    Hai mai campeggiato al di fuori delle aree attrezzate? Se sì conosci bene quella sensazione di libertà, di benessere e serenità che ti trasmette il campeggio libero in mezzo alla natura, lontano da tutta la gente e a contatto con…
RICHIESTA DISPONIBILITA'