Euthymos Excursions

2017-03-16

Grani antichi siciliani: la rinascita del territorio che salvaguarda la salute

(0 Voti)
Grani antichi siciliani
Grani antichi siciliani

In quest’ultimo secolo l’industria alimentare ha incrementato in modo esponenziale la produzione di molte materie per soddisfare la crescita della domanda. Ma questo aumento di disponibilità siamo sicuri che non abbia sacrificato qualcosa?

Analizziamo il settore agricolo: dagli anni settanta la produzione di grano ha avuto un boom. Ciò non è dovuto a delle condizioni naturali favorevoli ma da modificazioni genetiche come l’irradiamento del frumento con i raggi gamma e successive ibridazioni. Così facendo il fusto del frumento è diventato più basso e quindi più resistente agli agenti atmosferici come vento e pioggia e quindi agevola la raccolta e aumenta la produzione. In pratica questo grano di fatto è OGM e ricopre circa il 90% della produzione totale. “Casualmente” i primi casi di celiachia si sono manifestati a partire dagli anni ’70.

Un altro fattore allarmante riguarda la presenza di micotossite, glifosato, metalli pesanti come il cadmio, pesticidi e diverse tossine presenti nelle farine e nei prodotti trasformati che acquistiamo al supermercato dalle multinazionali. Ovviamente questi elementi sono tossici per il nostro organismo e alcune marche superano la soglia stabilita dalla legge.

Anche se compriamo pasta italiana non siamo al sicuro. Bisogna fare attenzione perché il grano con cui viene prodotta spesso proviene dal Canada e da paesi esteri. Purtroppo non esiste alcun obbligo di dichiarazione della provenienza in etichetta. In particolare, il grano acquistato dal Canada contiene una soglia di micotossine superiore al limite stabilito da loro. In Italia questo limite è di gran lunga superiore e quindi ciò che per loro è scarto per le industrie italiane diventa materia prima acquistata a costi molto bassi.

Per fortuna in Sicilia alcuni agricoltori si sono ribellati a questo sistema e hanno ripreso a coltivare i grani antichi originali quasi annientati dalle multinazionali. In particolare, nel territorio siciliano sono presenti 52 varietà di grani autoctoni. Nel secolo scorso ne erano presenti 291 ma molte sono scomparse perché non adatte alle coltivazioni intensive e con quantitativi di produzione inferiori.

Il territorio e il clima favorevole rendono possibile la coltivazione di questi grani antichi come il Maiorca, Senatore Cappelli, Margherito, Timilia, Russello e Nerisi. Questi grani hanno la particolarità di adattarsi alle condizioni climatiche e sono abbastanza resistenti da non aver bisogno di essere trattati con prodotti chimici.

Questo ritorno dei grani antichi siciliani ha tre aspetti positivi: il ritorno di grani originali naturali e non contaminati, la concreta possibilità di crescita economica del paese e l’aumento di richiesta di manodopera per la produzione e per la filiera.

In questo periodo di crisi perché non puntare sulla crescita della nostra terra e salvaguardare la salute?

Letto 3789 volte Ultima modifica il Mercoledì, 11 Ottobre 2017 13:59

socialshare

share on facebook share on linkedin share on pinterest share on youtube share on twitter share on tumblr share on soceity6

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

FaLang translation system by Faboba

Ultime dal Blog

  • Catania quinta città nella top ten TripAdvisor: ecco cosa visitare on 08 Mar 2018
    Catania è quinta città nella top ten della classifica europea Travelers’ Choice Destinations on the Rise 2018 di TripAdvisor. La classifica si basa sull’interesse dei viaggiatori: emergono ottimi feedback su ristoranti, alloggi e mete da visitare. Ma non finisce qui.…
  • Vipere in Italia: come riconoscerle, evitarle e cosa fare in caso di morso on 15 Feb 2018
    La vipera, da sempre amata e temuta, divinizzata e demonizzata dalle religioni, dai miti e dalle leggende, in Italia non è un serpente letale e spaventoso come si crede comunemente. È un serpente riservato e, se vede un essere umano,…
  • Campeggio libero in Italia: ecco il regolamento on 25 Jan 2018
    Hai mai campeggiato al di fuori delle aree attrezzate? Se sì conosci bene quella sensazione di libertà, di benessere e serenità che ti trasmette il campeggio libero in mezzo alla natura, lontano da tutta la gente e a contatto con…
RICHIESTA DISPONIBILITA'